Si parla molto del servizio pubblico svizzero. In tutta Europa e anche in Canada, dove il dibattito sulla possibile e definitiva scomparsa della SSR il 4 marzo 2018 continua a stupire.

Circolano le ipotesi più fantasiose. Si dice che sarà possibile continuare a fare gli stessi buoni programmi, apprezzati dal pubblico, abolendo il canone e che basterà adottare un sistema di pagamento à la carte per risolvere tutti i problemi. Inoltre, si continua a pensare che la pubblicità, con un colpo di bacchetta magica, basterà per coprire tutti i costi della produzione audiovisiva.

Questi scenari, degni dei peggiori apprendisti stregoni, sono l’uno più assurdo dell’altro. Un “sì” a No Billag il 4 marzo porterebbe di fatto alla rapida scomparsa della SSR e di tutti i programmi radiofonici e televisivi trasmessi nelle quattro lingue nazionali da decenni. Ma, al di là dei 12.000 posti di lavoro diretti e indiretti soppressi da quest’iniziativa, è necessario che tutti conoscano gli effetti collaterali della scomparsa dell’SSR. In particolare a livello economico – come confermano le cifre.

Il bilancio complessivo della SSR è di 1,64 miliardi di franchi. Per 7 canali TV, 17 radio, molte piattaforme web, e tutto in 4 lingue. Per la cronaca: i servizi pubblici dei paesi limitrofi, che producono tutti in una sola lingua, sono Radio France-France Télévisions (3,9 miliardi di Euro), ARD-ZDF (8,6 miliardi di Euro), RAI (2,8 miliardi di Euro).


Un finanziamento condiviso, nessun cittadino mediatico di serie B in Svizzera

Del budget di 1,64 miliardi di franchi della SSR, 1,25 miliardi di franchi provengono dalla tassa di ricezione (oltre il 75%). I ricavi commerciali rappresentano circa 280 milioni di franchi. Secondo il BAK Economics Institute (precedentemente noto come BAK Basel), un contributo di CHF 1.- genera CHF 1.42 di valore aggiunto per l’economia svizzera.

Il bilancio dell’SSR è distribuito secondo una chiave di solidarietà interregionale. Ad esempio, la Svizzera tedesca e reto-romancia genera il 71% dei ricavi SSR (canone e pubblicità), ma riceve solo il 45,5% delle risorse SSR. La Svizzera romanda genera il 24,5% delle risorse e ne riceve il 32,7%. Quanto alla Svizzera italiana, genera il 4,5% delle risorse e ne riceve il 21,8%.

Questo meccanismo di solidarietà permette di offrire prestazioni equivalenti fra le 3 principali regioni linguistiche del paese, indipendentemente dalla loro capacità economica o dal potenziale demografico. Siamo qui al centro del sistema di coesione svizzero: da noi, nessuno è mediaticamente un cittadino di serie B! Un principio spazzato via con nonchalance dall’iniziativa No-Billag.

 

Una presenza regionale e 12.000 posti di lavoro diretti o indiretti

La SSR è presente su tutto il territorio nazionale. Con studi di produzione a Ginevra, Losanna, Berna, Basilea, Zurigo, Lugano e uffici in molte città svizzere. 1560 collaboratori (TPE) sono attivi nella Svizzera romanda, 2860 nella Svizzera tedesca, 1030 nella Svizzera italiana e 130 nei Grigioni. Circa 6.000 posti di lavoro diretti, quindi. Persone che, con le loro famiglie, lavorano e consumano in tutto il paese. 6000 altri posti di lavoro indiretti sono creati in Svizzera, grazie ai mandati relativi all’attività dell’SSR. Così, ogni anno, più di 700 milioni di franchi vengono reintrodotti direttamente nel tessuto economico locale.

 

Più di 900 milioni di investimenti in Svizzera nei prossimi 10 anni

Per mantenere il suo know-how e le sue attrezzature, la SSR investe molto nell’economia svizzera. Circa 370 milioni di franchi sono previsti per i prossimi 5 anni nell’area tecnica e informatica (80 milioni nella Svizzera romanda, 225 milioni nella Svizzera tedesca, 55 milioni nella Svizzera italiana, 10 milioni nella Svizzera romancia). Quanto agli investimenti immobiliari, parliamo di circa 560 milioni di CHF attesi per il periodo 2020-28, sempre in tutte le regioni (240 milioni nella Svizzera romanda, 208 milioni nella Svizzera tedesca, 111 milioni nella Svizzera italiana, 1 milione nella Svizzera romancia).

Tutti questi investimenti sono ovviamente molto importanti per numerose aziende svizzere. Perché il 90% delle spese relative alla realizzazione del mandato di servizio pubblico della SSR sono effettuate in Svizzera. In diversi settori, come l’industria audiovisiva, il settore IT, il cinema, l’edilizia, l’energia, ecc. E l’80% degli acquisti di prodotti e servizi SSR viene effettuato in Svizzera.

Ultimo aspetto, ingiustamente dimenticato nel dibattito in corso: l’influenza della Svizzera nel mondo. Grazie a TV5Monde (354 milioni di famiglie collegate!), 3Sat, swissinfo o tvsvizzera.it, il nostro paese si presenta sulla scena internazionale. Per raccontare le nostre realtà, i nostri successi e i nostri paesaggi. Un servizio prezioso per il turismo, la finanza e il know-how svizzeri.

È vero quindi che il dibattito sul servizio pubblico audiovisivo è un dibattito sui valori, sui programmi, sul perimetro, sulla coesistenza di attori pubblici e privati in un mercato mediatico minuscolo e sotto pressione. Ma la SSR è anche un’azienda che alimenta il tessuto economico nazionale. La sua condanna a morte avrebbe conseguenze pesanti, ben oltre le 6000 famiglie colpite duramente da questo disastro.

Gli apprendisti stregoni di No Billag immaginano che il mercato sostituirà da un giorno all’altro questo motore economico, che grazie al consumo on demand e alla pubblicità la SSR potrà essere cancellata senza grandi conseguenze. Una grave illusione ottica. E il 5 marzo, dopo un sì, sarà troppo tardi per cambiare gli occhiali: le lenti saranno irrimediabilmente rotte.

Gilles Marchand
Direttore Generale SSR

Fonti:

  • BAKBASEL, Sept. 2016; Effets économiques des médias de service public financés par la redevance. Une analyse d’impact macroéconomique commandée par l’Office fédéral de la communication OFCOM
  • EBU «Funding of Public Service Media 2017», Media Intelligence Services
  • SRG SSR (FuC, HR, MFP 2018-2022, Masterplan Immobilier 2019-2028, analyse interne «Swissness» du management d’achat de la SSR 21.6.2016)

 

(L’articolo è tratto dal blog di Gilles Marchand, Direttore generale SSR ed è disponibile all’indirizzo: https://www.gillesmarchand.ch/ssr-parlons-clair-cash/)